SALONE DEL LIBRO DI TORINO 2018

Sono le undici e mezza di sera – d’accordo, è notte – ma io devo parlarvi della mia giornata. So che vi sono mancata e sento il bisogno fisico di sopperire con il mio commento sul Salone del libro di Torino. Siate felici con sobria moderazione.

Premessa: non elencherò la sfilza di libri che ho acquistato perché, prima di tutto, mi sento in colpa e perché, se mi seguite su instagram come di certo fate (immaginatelo detto con voce minacciosa, la stessa di vostra madre quando vi dice che “sicuramente avete chiamato parente X per il suo compleanno, no?”), sapete già tutto. Ho la dote delle stories tremolanti mentre rientro in macchina, io.

Veniamo al Salone.
Sono riuscita a incastrare una visitina lunga un solo pomeriggio fra i duemila impegni che la vita adulta richiede (cercare casa, per esempio) e l’uscita di un libro pubblicato da self esige (impaginazioni, correzioni, promozioni, tante –zioni). Il motivo della mia visita era del tutto interessato: Olimpia E. Petruzzella era lì per firmare le copie del suo romanzo e farlo conoscere al mondo. Dal momento che girerò un video in cui lo consiglio in modo approfondito, dico solo che Olimpia è per me una risorsa preziosa e che il suo “Il peso delle parole” è bellissimo. Stop, fine, basta.

Questo non mi ha impedito un giretto fra gli stand e un’occhiata a una fiera che non avevo mai visitato prima di oggi. Certo, le ho trovato qualche pecca, ma mi si passi l’essere una milanese imbruttita che – se non le viene indicato TUTTO con grosse frecce e cartelli – tende a perdersi in un bicchiere d’acqua. E ad annegarci dentro dopo giorni passati ad aspettare soccorsi che non sanno manco che sei in quel bicchiere d’acqua perché c’è stato un problema con l’aereo e il pilota ha cambiato rotta e…
Sto guardando Lost per la prima volta, scusate.

Certo, il Salone di Torino mi ha fatto sentire davvero dispersa, con le indicazioni un po’ vaghe che fornisce all’interno degli spazi immensi del Lingotto. Non parlo dell’aggirarsi fra gli stand in sé (diciamolo, nessuno ha mai un metodo in quello), ma dell’arrivare dal parcheggio ai padiglioni, per esempio. O uscire e ritrovare il parcheggio, per dire. Abbiamo incrociato tantissima gente dallo sguardo vacuo che sussurrava “di qua… no, no, aspetta, di là…”
Diciamolo però, il Salone non soffre delle mie personali lamentele, ma di problemi strutturali ben più gravi che ne rendono continuamente il futuro incerto. Ovunque si trovano le informazioni sui suoi trascorsi turbolenti: fornitori che attendono pagamenti, debiti non indifferenti, accordi che sono stati strappati con le unghie e i denti. Per non parlare dei grandi editori, che quest’anno c’erano, ma poi chissà…
Sembra che l’affluenza di quest’edizione, però, sia stata consistente e io ne sono contenta, perché è comunque un buon segnale e, se proprio non potrà risolvere alcuni problemi, sono certa che aiuterà in altri. E poi significa che la gente legge, che è sempre una gran bella realizzazione.
Tornando all’organizzazione, le carenze sono evidenti anche se tutto sommato sopportabili. Pochi gli addetti ai controlli per la sicurezza, con conseguenti file chilometriche (che io ho saltato per l’orario furbetto a cui sono andata e che, mi si dice, siano stati gestite meglio dal primo giorno in poi) e pochi i posti in cui sedersi (con persone accampate per terra in modo molto triste, famigliole comprese). Ecco, se c’è una cosa per cui il paragone con Tempo di Libri mi è sfuggito – chiedo perdono – è la gestione di queste piccole cose; lì c’era un intero spazio con tavoli e panche in cui sedersi a prendere fiato, mangiare un boccone, chiacchierare un attimo degli acquisti.
In ogni caso, me la sono goduta perché c’erano i libri. Sono un animo semplice e tanto mi basta, quando non devo trarre conclusioni più ampie (ovvero quando è praticamente mezzanotte).

Che poi, io, a questi eventi, i grandi editori non li calcolo mai. Faccio la snob – o la snob al contrario – e mi fiondo sulle realtà più piccole, quelle che sì, puoi trovare in qualche libreria indipendente o in scaffali dispersi dei grandi nomi, ma che qui brillano con tutto il loro catalogo in bella mostra. Quelle che ti parlano, che ti coinvolgono, che si raccontano. Perché se vuoi stare in quest’ambito (da autore, editor, grafico, o qualsiasi altro ruolo), è lì che vuoi – e forse devi – guardare.
Per ben tre fiere di vario tipo ho resistito alla tentazione di razziare lo stand della Dark Zone, consapevole che prima o poi Olimpia avrebbe fatto uscire con loro il romanzo, e oggi mi sono finalmente tolta lo sfizio. Ok, gli sfizi. Altri editori piccoli e medi, invece, hanno già ricevuto sonanti denari da me in passato – cito la Hacca edizioni perché è bella bella e la amo – quindi mi sono limitata ad annusare i libri da buona drogata quale sono.

Questo è quanto. Buonanotte!